Sito beta: stiamo sviluppando un nuovo sito web per aiutarti a rendere il tuo viaggio in Scozia sempre migliore. Scopri in anteprima il nostro nuovo sito web.

Il Blog

8 storie sulla Scozia meridionale

La Scozia meridionale è il luogo perfetto da esplorare nell’ Anno delle Storie 2022. Da grandi racconti d’amore e leggende magiche a narrazioni di fantasmi, contrabbandieri, giacobiti, Bonnie Prince Charlie e altri resoconti intriganti, molte delle attrazioni e dei luoghi mozzafiato del Paese hanno una storia affascinante. Qui troverai una selezione delle storie connesse ad alcuni dei luoghi più speciali della regione.

*Ricorda di controllare i siti web delle attrazioni o di contattarle direttamente per confermare gli orari di apertura.*

ABBAZIA DI SWEETHEART – UNA STORIA D’AMORE

Sweetheart Abbey, New Abbey, Dumfries & Galloway © Dumfries & Galloway Council/Mark Geddes

Località: New Abbey, vicino a Dumfries, Dumfries e Galloway

Alla periferia di un piccolo villaggio del Dumfriesshire si trova un monumento duraturo all’amore eterno.  Nel 1272, Lady Devorgilla firmò un atto costitutivo per la fondazione di una nuova abbazia cistercense in memoria del suo amato marito, John Balliol. Non contenta di erigere una magnifica abbazia, Lady Devorgilla espresse anche la sua devozione al suo defunto sposo portando con sé il suo cuore imbalsamato in un cofanetto d’avorio. Alla sua morte, anche lei venne sepolta nell’abbazia accanto a uno scrigno contenente il cuore. Poco dopo, i monaci iniziarono a chiamare l’abbazia Dulce Cor, vale a dire “dolce cuore” in latino. Si dice che proprio dal nuovo soprannome dell’abbazia derivi la sua affettuosa denominazione ancora in uso oggi.

Scopri di più sull’ Abbazia di Sweetheart.

Traquair House – I FAMIGERATI CANCELLI DELL’ORSO DELLA CASA PIÙ ANTICA DELLA SCOZIA

Località: Peebles, Scottish Borders

Con oltre 900 anni, la più antica casa continuamente abitata in Scozia è una dimora davvero straordinaria. Risalente al XII secolo, Traquair ha accolto ben 27 re e regine nel corso del tempo ed è stata la residenza della famiglia Stuart dal 1491. Ogni centimetro dell’edificio, dalle sue assi scricchiolanti ai lastroni di pietra consunti, dai suoi ritratti ancestrali ai preziosi oggetti d’antiquariato, ha una storia da raccontare. Sorprendentemente, però, la casa ha meno fantasmi di quanto ci si potrebbe aspettare. La sua storia più ossessionante non è soprannaturale, ma riguarda i cancelli sovrastati dalle statue a forma di orso che marcano la fine del vecchio viale di accesso. Questi furono chiusi per l’ultima volta dietro Bonnie Prince Charlie nel 1745 quando lasciò la casa per dirigersi a sud e combattere nella battaglia di Culloden per riportare la famiglia Stuart sul trono. I cancelli sono rimasti chiusi fin dalla disastrosa sconfitta dei giacobiti a Culloden e si dice che non verranno riaperti finché non tornerà sul trono uno Stuart.

Scopri tutto su Traquair House.

IL SUONATORE DI CORNAMUSA DEL CASTELLO DI CULZEAN – UNA STORIA DI FANTASMI

Le misteriose scogliere sottostanti il Castello di Culzean, Ayrshire meridionale

Località: Maybole, Ayrshire meridionale

Le cornamuse emettono un suono familiare e gradito ai matrimoni, alla Burns Night, ai giochi delle Highlands e ad altre occasioni di festa; ci sono tuttavia alcuni luoghi in cui le caratteristiche note di questi strumenti sono in grado di far gelare il sangue. Come nel Castello di Culzean. Si dice che le grotte sotto le scogliere del Castello di Culzean fossero infestate. Molti anni fa, un intrepido suonatore di cornamusa fu convocato per indagare e scoprire la verità. Doveva procedere a piedi dall’ingresso delle grotte suonando la cornamusa mentre si faceva strada all’interno, prima di riemergere attraverso un tunnel in cima alle scogliere, accompagnato per tutto il tempo dal suo fedele cane. Mentre sparivano nella cavità oscura, il suono delle cornamuse si affievoliva sempre di più fino a quando non calò il silenzio. Né l’uomo né il suo cane furono mai più visti o sentiti. Tranne che nelle notti tranquille, quando risalgono dalle grotte misteriose le note di una cornamusa, non si sa da dove. Alcuni hanno anche riportato avvistamenti di un’ombra solitaria su Piper’s Brae, nel parco del castello. Questa è solo una delle figure spettrali che si dice infestino questo storico castello e i suoi dintorni.

Scopri di più sul Castello di Culzean e parco

IL CASTELLO DI HERMITAGE – UN DRAMMATICO CAPITOLO DELLA VITA DI MARIA STUARDA

Hermitage Castle, near Newcastleton

Castello di Hermitage, vicino a Newcastleton

Località: Newcastleton, Scottish Borders

Descritto come “il posto di guardia di una delle valli più sanguinose della Gran Bretagna”, il tetro Castello di Hermitage è immerso nel mito e nella leggenda. Nel 1566 fu anche testimone di uno dei più importanti e controversi episodi della turbolenta vita di Maria Stuarda. James Hepburn, conte di Bothwell e presunto amante segreto di Maria, rimase gravemente ferito in una battaglia con i Border Reivers, banditi impegnati nel furto di bestiame e altri crimini su entrambi i lati del confine anglo-scozzese. Maria lo venne a sapere mentre si trovava nella vicina Jedburgh, appena due settimane dopo il parto, e cavalcò per 40 chilometri attraverso il pericoloso paesaggio per raggiungerlo. Hepburn sopravvisse e i due si sposarono, ma la loro unione scatenò un disastro. I nemici usarono il suo gesto intrepido come dimostrazione del fatto che non solo Maria aveva avuto una relazione adulterina con Bothwell, ma aveva anche cospirato nell’omicidio del suo secondo marito, Lord Darnley. Peggio ancora, tale atto venne addotto a comprova del suo complotto per rovesciare la cugina, Elisabetta I, sigillando in ultima analisi la sua condanna.

Scopri di più sull’ Hermitage e sulla vita di Maria Stuarda.

Gretna Green Famous Blacksmiths Shop – Un passato romantico

Località: Gretna Green, Dumfries & Galloway

Immerso nella storia, il Gretna Green Famous Blacksmiths Shop è il luogo in cui le coppie si sposano dal lontano 1754. Il Gretna Green Famous Blacksmiths Shop, recentemente riaperto, ti farà rivivere il suo passato romantico e spesso drammatico con mostre e manufatti emozionanti. Scopri perché Gretna Green era così irresistibile per le giovani coppie di un tempo e così popolare tra gli sposi di oggi. Nuove esposizioni audiovisive riportano in vita il dramma dei matrimoni in fuga a Gretna Green e un’affascinante collezione di cimeli dell’epoca in cui le coppie attraversano il confine per approfittare delle leggi scozzesi più permissive in materia di matrimonio. Si possono vedere lettere, telegrammi e certificati di matrimonio di coloro che sfidavano la famiglia scappando in questo luogo famoso. Un consiglio: tocca la famosa incudine, simbolo del romanticismo a Gretna Green. La leggenda narra che se si tocca l’incudine si avrà fortuna negli affari di cuore.

Visita il Gretna Green Famous Blacksmiths Shop.

Eildon Hill – IL FOLKLORE CHE HA ISPIRATO SIR WALTER SCOTT

Località: Bemersyde, Scottish Borders

Nessun’altra regione ha ispirato Sir Walter Scott più degli Scottish Borders. Da Scott’s View, una piccola piazzola di sosta su una strada alta vicino al villaggio di Bemersyde, potrai ammirare un vasto panorama. Qui si può vedere la terra che tanto affascinò Scott, non solo per la sua bellezza naturale, ma anche per l’antico folklore che alimentò la sua immaginazione infantile. Da Scott’s View si può scorgere Eildon Hill, collegata a una figura storica del XIII secolo, Thomas the Ryhmer, un cantastorie e mistico con il dono della profezia. Si narra che Thomas dovesse i suoi poteri soprannaturali alla regina di Elfland che lo condusse nel suo regno fatato nell’interno cavo di Eildon Hill. Vi rimase per diversi anni e gli fu concesso il dono della preveggenza. Quando face ritorno nel mondo mortale, scoprì che non poteva più mentire ma era in grado di prevedere il futuro, compresi molti eventi importanti della storia scozzese. Ora immortale, tornò a Eildon Hill dove risiede ancora. Questo è solo uno dei racconti di Scott, pubblicato nella sua antologia di racconti popolari dei BordersMinstrelsy of the Scottish Border.

Visita Scott’s View e la casa ancestrale dello scrittore, Abbotsford.

Gunsgreen House – I SEGRETI DELLA DIMORA DI UN CONTRABBANDIERE

Località: Eyemouth, Scottish Borders

Se i muri potessero parlare, quelli di Gunsgreen House racconterebbero innumerevoli storie di intrighi del XVIII secolo, quando la costa del Berwickshire pullulava di contrabbandieri. Uno dei più noti dell’epoca era John Nisbet che eresse questo elegante edificio, progettato dal grande architetto John Adam, con i ricavi delle sue attività illegali. Tra i segreti di Gunsgreen ci sono tunnel sotterranei, una camera sotto le assi del pavimento dove il proprietario si nascondeva dagli agenti delle accise e uno scivolo segreto celato dietro una botola camuffata che Nisbet utilizzava per nascondere il tè, una merce molto preziosa e soggetta ad alti dazi, che vendeva in minuscole confezioni ai clienti dal suo salotto. Persino le finestre del salotto dai soffitti alti erano posizionate strategicamente per offrire una vista a volo d’uccello sul porto, in modo che i contrabbandieri potessero mandarsi segnali l’un l’altro con la lanterna con il favore delle tenebre.

Visita il Museo di Gunsgreen House.

LA GRANDE MAPPA POLACCA DELLA SCOZIA – UNA STORIA DI RINGRAZIAMENTO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Località: Peebles, Scottish Borders

I terreni del Barony Castle Hotel potrebbero sembrare quelli di qualsiasi altra grande casa di campagna. Tuttavia, osservando da vicino la collezione di massi coperti di licheni e muschio in un campo, si scopre qualcosa di speciale: un’enorme mappa in rilievo della Scozia, la più grande del suo genere al mondo. La storia della sua origine è commovente. Durante la seconda guerra mondiale, Jan Tomasik, un sergente polacco della divisione corazzata, era di stanza nelle vicinanze per aiutare a difendere il Paese. Una volta conclusosi il conflitto, Tomasik acquistò il Castello di Barony e lo trasformò in un hotel. Interessato alla topografia, Tomasik volle ringraziare il suo Paese d’adozione nel modo migliore che conosceva. Ecco quindi come è nata la Mappa della Scozia, meglio nota come “La grande mappa polacca della Scozia”. Restaurata nel 2010, la mappa ha una scala epica: misura infatti più di 48 metri per 39 e rimane un modello incredibilmente accurato del paesaggio scozzese.

Visita al Grande mappa polacca della Scozia e soggiorna al Barony Castle Hotel.

Scopri di più sull’Anno delle Storie 2022 e altri luoghi da esplorare nella Scozia meridionale. Esplora le proprietà premiate dal Green Tourism negli Scottish Borders e nel Dumfries & Galloway, oppure dai un’occhiata a queste 18 idee per posti fantastici in cui alloggiare quando visiti la Scozia meridionale.

 

Comments