Ci sono così tante isole in Scozia che non è facile decidere da dove iniziare. Scegliere tra tutte le cose incredibili che si possono fare qui è un compito arduo, ma potrete contare sul nostro aiuto. Abbiamo studiato in profondità l'argomento in modo che vi risulti facile individuare le caratteristiche chiave che rendono famose le diverse isole e scoprire quali esperienze esclusive siano in grado di offrire.

Argyll

Tobermory
Tobermory, Mull

Note per:

Le isole dell' Argyll al largo della costa occidentale della Scozia sono un gruppo eclettico di 25 isole abitate con caratteristiche diverse: dalle cime del Giura alle lunghe distese di spiaggia sabbiosa sul Tiree e il vivace porto di pescatori di Tobermory su Mull, ogni isola vanta un particolare assetto geografico. Pertanto il modo migliore per ottenere il massimo dal vostro viaggio è di visitarne il più possibile: potreste dedicare una giornata ad avvistare foche al largo della costa di Kerrera e quella successiva alla degustazione di un ottimo whisky di malto presso una distilleria sull'Isola di Islay.

Il luogo perfetto per:

I ruderi delle mura ricurve del castello di Rothesay attraverso il fossato.
Il castello di Rothesay, Isola di Bute

1. Scoprire l'architettura storica

Sulle isole troverete alcune tra le rovine storiche più impressionanti della Scozia, come il Castello di Rothesay sull'isola di Bute. Le grandi mura rotonde in arenaria ci lasciano immaginare quanto possente dovesse essere stato un tempo il castello, anche se non riuscì a difendersi dagli attacchi dei re norvegesi che lo conquistarono non solo nel 1230 ma anche nel 1263!

Bute è raggiungibile in treno e in traghetto in meno di due ore da Glasgow e da lì si può poi procedere alla visita delle altre isole in traghetto facendo tappa ad Argyll sulla terraferma.

2. Passeggiate panoramiche

Vi piacciono le sfide? Nonostante le tre cime del Rum Cuillin sull'Isola di Rum siano più basse dei famosi Munro scozzesi, le prime vi offrono però la possibilità di fare delle passeggiate tonificanti, ammirare panorami splendidi e avvertire un certo senso di soddisfazione personale. Partendo dal castello di Kinloch, gli escursionisti più esperti possono attraversare la cima in un solo giorno, godendosi vedute spettacolari sulle isole di Eigg e Skye oltre a una difficile arrampicata. Se vi sembra un percorso troppo arduo, potrete anche optare per altre passeggiate suggestive un po' meno impegnative.

Ebridi Esterne

Calanais Standing Stones
Il circolo megalitico di Callanish, Lewis

Note per:

Isole occidentali selvagge ai margini dell'Oceano Atlantico, le Ebridi Esterne sono la destinazione ideale per chi cerca pace e tranquillità, paesaggi aspri e un raro scorcio della vita tradizionale degli isolani scozzesi. Qui potrete ammirare la fauna selvatica, rilassarvi su spiagge meravigliosamente deserte e respirare aria pura; qui potrete anche vivere anche delle splendide avventure! È un vero paradiso per gli amanti della canoa, del windsurf, del trekking e del ciclismo. Inoltre ci sono moltissimi siti storici da esplorare, come il Circolo megalitico di Callanish. Un ulteriore attrattiva irresistibile sono la freschezza dell pesce e dei prodotti agricoli locali.

Il posto perfetto per:

Liniclate beach
La spiaggia di Liniclate, Benbecula

1. Lunghe escursioni su due ruote

Immaginatevi su una bicicletta in una strada libera lungo la Hebridean Way, un percorso di quasi 300 km che attraversa 10 splendide isole delle Ebridi Esterne. Vedrete i luoghi storici dell'isola e le sue magnifiche spiagge mentre pedalate da Vatersay a Harris. Se seguite la National Cycle Route 780, raggiungerete presto un sentiero pedonale ufficiale, così che coloro che preferiscono passeggiare anziché pedalare non si perdano l'opportunità di godersi questo emozionante viaggio.

2. Bird watching

Balranald sull'isola di North Uist è un luogo eccezionale per gli avvistamenti di uccelli e per la fauna selvatica. Mentre passeggiate sulle spiagge, nelle zone paludose e tra le dune sabbiose potreste facilmente scorgere delle pavoncelle e degli strillozzi. In primavera uccelli migratori di ogni specie sorvolano Balranald e in autunno la riserva accoglie le oche barnacle dalla Groenlandia che cercano riparo dal freddo artico.

North Uist è raggiungibile in traghetto da Uig sull'Isola di Skye o attraverso la strada rialzata a Berneray nelle Ebridi Esterne.

Shetland

Gaada Stack - un doppio arco naturale in pietra.
Gaada Stack, Da Ristie, Foula

Note per:

Appena raggiungerete le Shetland, l'arcipelago più settentrionale della Scozia, avrete come la sensazione di essere in un altro mondo. Celebrate per il loro ricco patrimonio norreno, le meraviglie storiche come l'insediamento preistorico di Jarlshof e i loro paesaggi mozzafiato, le isole offrono anche un patrimonio culturale particolare, molto diverso da qualsiasi altro luogo. 

I punti di interesse stagionale comprendono le scogliere presso la Riserva naturale nazionale di Hermaness, che prende vita in primavera ed estate con la presenza di migliaia di uccelli marini, e il fenomeno naturale dell’aurora boreale, che si può scorgere nei mesi invernali. Nel corso dell'anno si tengono inoltre numerosi festival, dal Fiddle Frenzy in agosto alla Shetland Wool Week in ottobre, per non dimenticare le famose celebrazioni del fuoco, Up Helly Aa, in gennaio.

Due lontre giocano con le alghe sul bordo dell'acqua.
Isola di Yell © Neil McIntyre

Il posto perfetto per:

1. Avvistare le lontre

Queste piccole creature sono davvero carine e molto fotogeniche, se riuscite a scovarle, ovviamente! Fortunatamente, sull'Isola di Yell, la più grande delle isole settentrionali delle Shetland, avrete alte probabilità di vederne una, essendo infatti considerata uno dei luoghi migliori in Europa per il loro avvistamento. Le lontre di fiume europee non si stancano mai di frequentare i bassi litorali torbosi di Yell, dove si possono scorgere spesso mentre cercano di procurarsi il prossimo pasto. Prestate attenzione perché al largo delle coste dell'isola potreste anche avvistare foche e focene.

Yell è raggiungibile in traghetto da Toft su Mainland a Ulsta in venti minuti.

2. Artigianato tessile sull'Isola di Fair

Le Shetland vantano un ricco patrimonio tessile tuttora molto prospero! Perché allora non visitare l'isola che ha dato il nome alla tecnica di lavorazione a maglia Fair Isle per cercare di apprenderla? In alternativa potrete semplicemente ammirare gli artigiani mentre creano questi intricati disegni. La piccola Isola di Fair è situata a metà strada tra le Orcadi e le Shetland e ha una identità culturale davvero particolare. Un luogo molto suggestivo, attira sia gli amanti del birdwatching che gli spiriti creativi con le sue splendide scogliere e la ricca flora.

L'Isola di Fair è raggiungibile in traghetto da Grutness Pier sulla punta meridionale delle Shetland e ogni quindicina di giorni (ma solo in estate) anche da Lerwick; è raggiungibile anche in aereo.

 

Orcadi

Un faraglione presso le scogliere di Hoy.
Old Man of Hoy, Isola di Hoy

Note per:

La loro unicità tipica, come la parlata cadenzata, quasi cantata, dei loro abitanti. Una volta approdati, potreste abituarvi così bene al ritmo di vita estremamente rilassato di quest'isola che potreste essere tentati di rimanervi. Troverete così tanti siti storici sul ciglio della strada che un viaggio alle Orcadi potrebbe concentrarsi interamente sulla visita agli antichi tumuli a camera come Maeshowe, ai circoli megalitici come il Ring of Brodgar, ai ruderi dei broch tradizionali e degli insediamenti neolitici come Skara Brae.

Questo arcipelago però ha molto da offrirvi anche se preferite spiagge di sabbia bianca, imponenti formazioni rocciose e coste senza fine.

Il posto perfetto per:

Churchill Barrier No 3 - Due subacquei si preparano a tuffarsi in acque limpide e poco profonde.
Churchill Barrier No 3, Orcadi

1. Immersioni

L'arcipelago delle Orcadi conta oltre 70 isole, il che significa che centinaia di chilometri di acque costiere vi aspettano per essere esplorate. Le Orcadi hanno anche offerto ancoraggio navale durante le due guerre mondiali e le sue acque ospitano una serie di affascinanti relitti sommersi. Presso le Churchill Barriers i relitti di alcune imbarcazioni vennero affondati deliberatamente per evitare che le navi nemiche potessero entrare nella baia di Scapa Flow tra le isole Mainland e South Ronaldsay. Le acque incredibilmente limpide presentano le condizioni ideali per subacquei principianti e l'isola offre numerosi corsi di immersione, gite in barca e immersioni guidate per tutte le abilità.

2. La scoperta del tempo di guerra

L'Isola di Hoy a sud-ovest dell'Isola Mainland è forse più nota per il suo "old man", il faraglione alto 137 m, ma lo sapevate che è anche sede del Museo e Centro Visitatori di Scapa Flow? Aperto da marzo a ottobre, questo museo gratuito ha sede in una ex stazione di pompaggio di petrolio presso la base navale di Lyness, e illustra il ruolo chiave svolto nella storia della marina britannica, soprattutto durante le due guerre. Seguite il Lyness Wartime Trail per scoprire i siti utilizzati in tempo di guerra.