Consigli sul Coronavirus (COVID-19). Consultando la nostra pagina web potrete trovare maggiori informazioni su come visitare la Scozia durante il Covid19.

The Highlanders Museum, Inverness

Sulla

Il reggimento dei Queen's Own Cameron Highlanders

I Queen's Own Cameron Highlanders presero il nome da uno dei più potenti clan del periodo e vennero costituiti durante la guerra rivoluzionaria francese. Fu la regina Vittoria a imporre che venissero ribattezzati "Queen's Own" in riconoscimento del valore dimostrato in servizio.

Origini

  • Venne fondato da Alan Cameron di Erracht come 79° Reggimento di Volontari a Piedi (Cameronians) al culmine della guerra rivoluzionaria francese nel 1793. 
  • Il reggimento combattè nell'invasione anglo-russa dell'Olanda, nelle guerre napoleoniche, comprese le due battaglie finali di Quatre Bass e Waterloo, nella guerra di Crimea e in occasione dell'ammutinamento indiano.
  • La regina Vittoria assegnò il nuovo stendardo al reggimento al suo rientro dall'India nel 1871, quando venne ribattezzato "Queen's Own".
  • Il 79° Reggimento a Piedi divenne il I Battaglione dei Cameron Highlanders, il reggimento della contea dell'Inverness-shire. Con base a Gibilterra, il reggimento venne inviato in Egitto per prendere parte all'invasione e all'occupazione del Paese, dove prestò servizio anche nella battaglia di Tel-el-Kebir. 
  • Il 2° Battaglione venne formato nel 1897 e combattè nella seconda guerra boera, a Malta, a Creta, in Cina e in India.

Fatti e numeri

Motto

Pro rege et patria (per il re e per la patria)

Marcia

Molti reggimenti prevedevano marce specifiche per radunare le truppe e per innalzare il morale prima del combattimento.

  • Piobroch O'Donuil Dubh (marcia veloce)
  • The Cameron Highlanders (veloce)
  • The Garb of Old Gaul (marcia lenta)

Tartan

Cameron of Erracht

I Guerra Mondiale

  • Il reggimento si espanse raggiugendo 13 battaglioni, nove dei quali prestarono servizio in battaglia 
  • Ricevette 10 onori di battaglia e perse 5.930 uomini durante la guerra, tre dei quali vennero onorati con la Victoria Cross.

Per saperne di più visitate l'Highlanders Museum.