Consigli sul Coronavirus (COVID-19). Da ora potrete fare una ricerca sul nostro sito internet e leggere la lista dei business che hanno riaperto e che fanno parte del Good to Go Scheme. Consultando la nostra pagina web potrete trovare maggiori informazioni su come visitare la Scozia durante il Covid19.

Il Blog

Alla scoperta di superstizioni, tradizioni e usanze scozzesi

Non sorprende che un Paese con un patrimonio culturale tanto ricco come la Scozia abbia dato origine anche a un certo numero di superstizioni e usanze singolari rispettate ancora oggi. In effetti, alcune possono sembrare abbastanza strane!

Di seguito trovi una manciata di superstizioni e tradizioni che potrebbero avere le loro radici in Scozia; alcune di queste sono state suggerite dai nostri follower sui social e dai membri della comunità di iKnow.

CATTIVA SORTE

Un gregge di pecore nel Perthshire

Alcuni allevatori, in particolare del nord della Scozia, credono che la nascita di una pecora nera porti sfortuna a tutto il gregge; da qui nasce l’espressione la “pecora nera della famiglia”. Se una pecora partorisce due gemelli, ed entrambi sono neri, l’agnellatura sarà scarsa.

C’È QUALCOSA CHE PUZZA…

Fishing boats in Stornoway, Isle of Lewis

Pescherecci a Stornoway, Isola di Lewis

Tra le comunità di pescatori circolano spesso numerose superstizioni e usanze. I pescatori scozzesi in luoghi come le Ebridi Esterne e l’Est Neuk del Fife non uscivano in barca se lungo la strada che portava ai pescherecci avevano incrociato un prete o un pastore protestante, perché credevano che portasse male.

IL BIANCO TI RISCATTERÀ…

Lucky white heather © iStock

Erica bianca portafortuna © iStock

Mentre l’erica viola cresce abbondante sulle nostre colline, l’erica bianca è molto meno comune, ma sembra che porti davvero fortuna. Questa credenza trova origine in una leggenda celtica risalente al III secolo. Quando scoprì che il suo innamorato era morto in battaglia, Malvina, figlia del leggendario poeta guerriero Ossian, pianse a lungo e le sue lacrime, secondo la leggenda, trasformarono l’erica da viola a bianca. Malvina allora dichiarò: “Sebbene sia il simbolo del mio dolore, possa l’erica bianca portare fortuna a chiunque la trovi”.

Storicamente, gli uomini dei clan portavano con sé in battaglia dell’erica bianca per protezione. E ancora oggi, in un matrimonio scozzese, gli sposi spesso ne infilano un rametto in un’asola mentre le spose lo aggiungono ai loro bouquet.

UN DONO PORTAFORTUNA

Secondo questa usanza, conosciuta come handselling, è di buon auspicio mettere qualcosa d’argento, spesso una moneta, nella manina di un neonato. Si dice che procurerà grande prosperità al bambino quando crescerà. In epoca moderna, talvolta si regalano cucchiai d’argento in occasione del battesimo.

CONNESSIONI CELTICHE PER HALLOWEEN

Apple dooking

Dookin’ for apples o mele galleggianti

Si dice che in realtà sia stata la Scozia a inventare la tradizione di Halloween e a dare origine alle superstizioni e usanze legate a questa ricorrenza. Le celebrazioni così come le conosciamo oggi derivano dall’antica festa pagana di Samhain. Ci si travestiva indossando costumi, un’attività nota come guising, per nascondersi dalle fate e dagli spiriti, e si facevano offerte di cibo.

Si ritiene che anche il gioco tradizionale delle mele galleggianti, o “dookin’ for apples”, in cui i bambini cercano di afferrare le mele da un secchio d’acqua usando solo la bocca, possa essere ricondotto all’epoca dei druidi. Infatti, nell’antica tradizione druidica le mele erano considerate un frutto sacro.

Manca ormai pochissimo alla festa di Halloween: perché non provi qualche brivido tipico scozzese e scopri eventi spettrali, luoghi infestati e altro ancora?

INIZIA IL NUOVO ANNO CON IL PIEDE GIUSTO…

Il First Footing, una tradizione di Hogmanay

Per gli scozzesi una delle tradizioni di Capodanno, o Hogmanay, come ci piace chiamarlo, è il “first-foot” e riguarda la prima persona che entra nella casa di qualcun altro. Tradizionalmente, il primo a varcare la soglia di casa dovrebbe essere un gentiluomo alto, con i capelli scuri, che porta in dono carbone, una moneta d’argento, un black bun (una torta di frutta e spezie), sale e whisky, come buon augurio per l’anno nuovo. Molto probabilmente diventò una tradizione consolidata in seguito all’invasione dei biondi Vichinghi nell’VIII secolo.

RINNOVATI CON LA RUGIADA DI MAGGIO…

Arthur's Seat and the city of Edinburgh seen from Blackford Hill

Arthur’s Seat e la città di Edimburgo

Il 1° maggio era tradizione che le ragazze si lavassero il viso con la rugiada del mattino. Anni fa, a Edimburgo folle di donne accorrevano all’ Arthur’s Seat per compiere il rito che prometteva buona fortuna, vitalità e bellezza per l’anno nuovo. È un’usanza pagana osservata in Scozia da secoli.

Conosci qualche superstizione, tradizione o usanza scozzese? Unisciti alla conversazione partecipando alla iKnow community. La Scozia custodisce anche tantissimi miti e leggende affascinanti che aspettano solo di essere scoperti. Puoi conoscerli leggendo il nostro eBook dedicato a miti e leggende.

 

Comments

Politica sui cookie

VisitScotland utilizza cookies per migliorare l'esperienza dell'utente sul nostro sito. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Si prega di leggere la nostra politica sulla privacy e sui cookie per ulteriori informazioni.