Passeggiate al Mull of Galloway

Outdoors

7 giorni nel sud della Scozia

Trascorrete sette giorni nel sud della Scozia per godervi un soggiorno rilassante, dedicando del tempo a esplorare le attrazioni storiche e ad avventurarvi nella splendida campagna. La regione meridionale della Scozia, composta dal Dumfries e Galloway e dagli Scottish Borders, offre molte attrattive. Seguite questo itinerario nel sud della Scozia per trarre ispirazione su cosa scegliere durante la vostra vacanza di una settimana.

Trasporti

Auto

Giorni

7

Miglia

150

Itinerario

Scozia meridionale

In rilievo

Aperta campagna, dimore storiche e splendidi paesaggi

Aree coperte

Scottish Borders, Dumfries & Galloway

Giorno 1

panoramica

Scottish Borders

Se vi trovate a Edimburgo, imboccate la strada diretta al sud, mentre se vi trovate nel nord dell’Inghilterra, proseguite verso nord e superate il confine: vi troverete presto tra le dolci colline e la verde bellezza lussureggiante degli Scottish Borders. Per i prossimi tre giorni non avrete che l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda la vostra sistemazione: tutte le cittadine e i villaggi principali, infatti, occupano una posizione centrale. Questo significa che potrete prenotare l’ alloggio negli Scottish Borders di vostra preferenza e fare escursioni di un giorno per scoprire quali avventure vi riserva questa regione.

Il primo giorno dell’itinerario vi porta a est, verso la costa, a St Abbs e Eyemouth.

  • Miglia

  • Km

  • Stop

  • Trasporti

    Auto

Riserva Naturale Nazionale di St Abb’s Head

All’arrivo rimarrete letteralmente senza parole di fronte alle vedute mozzafiato che si aprono davanti a voi attraverso le suggestive scogliere fino alle acque cristalline del mare sottostante. Questo luogo di una bellezza selvaggia ospita anche migliaia di uccelli marini e vanta moltissimi punti di osservazione da cui studiarli mentre svolgono le loro attività quotidiane.

In estate, i prati si rivestono di una coltre di fiori selvatici come statice, eliantemo, timo selvatico e astragalo danese. Spostandovi verso l’entroterra, potete passeggiare attorno al Mire Loch dove potrete scorgere i cigni, le anatre, le damigelle e le farfalle che vi abitano.

Centro visitatori di St Abbs

St Abbs è un villaggio di pescatori piccolo ma pittoresco, il cui paesaggio naturale ospita una ricca varietà di fauna selvatica sia sopra che sotto il livello del mare. Situato nell’antico municipio, il centro visitatori racconta la storia del passato e del presente di St Abbs con una mostra principale, ma vi guiderà anche nella scoperta delle meraviglie geologiche e faunistiche della zona.

Non perdetevi il potente telescopio per osservare da vicino le scogliere e gli animali selvatici, per non parlare delle fotografie locali, delle opere d’arte e dei prodotti artigianali esposti presso il centro.

Eyemouth RIB trip

Completate la vostra gita al mare con un altro modo magico per ammirare questo paesaggio a picco sul mare: un giro in motoscafo! Dopo l’imbarco presso la vicina città di Eyemouth, uno skipper esperto vi porterà attorno a scogliere e calette dove potrete scorgere uccelli marini e foche.

Potete scegliere tra due soluzioni di viaggio, con ritmi diversi: l’opzione Fast Blast è adatta a coloro che desiderano vivere l’emozione del vento, degli spruzzi d’acqua e della velocità, mentre il Coastal Exploration è un safari marittimo più rilassato che permette di gustarsi il panorama.

Una volta tornati sulla terraferma, cercate un piccolo furgoncino da dove potete rifornirvi di frutti di mare per le foche che si aggirano intorno al porto di Eyemouth!

Giorno 2

panoramica

Melrose

Quest’area non vanta solo una ricca storia, ma è tanto fortunata da conservare ancora molte tracce del suo passato così che possiate conoscerlo anche voi e immaginare cosa avrebbe potuto significare vivere qui centinaia di anni fa.

Oggi ci fermeremo presso una delle quattro abbazie e una delle tante residenze storiche negli Scottish Borders. Ci sono molte altre dimore che meritano una visita, o in questo viaggio o nel prossimo.

  • Miglia

  • Km

  • Stop

  • Trasporti

    Auto

Abbotsford House

Fin dall’arrivo, questo grande edificio storico vi stupirà per la sua bellezza. Esplorandolo, però, scoprirete che la sua storia lo rende ancora più affascinante: si tratta, infatti, della casa costruita da Sir Walter Scott, il romanziere e poeta del XIX secolo famoso per Waverley, Ivanhoe e La donna del lago, e poi abitata dai suoi discendenti.

Sir Walter Scott è considerato l’uomo che ha reso popolare il tartan, ha salvato la banconota scozzese e ha riscoperto i gioielli della Corona del suo Paese. Abbotsford House è piena di oggetti intriganti, sparsi nei numerosi saloni, tra cui la biblioteca, il Chinese Drawing Room e lo studio di Scott, dove si dedicò alla stesura dei suoi ultimi romanzi.

Abbazia di Melrose

Gli Scottish Borders sono sede di ben quattro grandi abbazie, i cui ruderi lasciano ancora immaginare l’antico splendore. L’Abbazia di Melrose è forse una delle rovine più famose della Scozia, fondata nel 1136 da Davide I, in gran parte distrutta dall’esercito di Riccardo II nel 1385 e amata da Roberto I.

Ammirate le insolite sculture che ne adornano l’esterno: folletti, cuochi con mestoli e persino un maiale che suona la cornamusa. Da visitare anche il Commendator’s House Museum, che conserva un’interessante collezione di oggetti medievali rinvenuti durante gli scavi.

Scott's View

Avete già visto che il paesaggio è spesso ricco di ispirazione, ma scoprite di più su Sir Walter Scott recandovi alla Scott’s View, un punto panoramico da dove potrete ammirare le colline di Eildon Hills, durante il vostro secondo giorno negli Scottish Borders.

Uno dei punti panoramici preferiti di Scott, questa località mostra come l’azione vulcanica ha plasmato il territorio, l’area un tempo abitata dai nostri antenati dell’Età del Ferro e dai Romani, e dove scorre tuttora il fiume Tweed.

Giorno 3

panoramica

Peebles

Trascorrete l’ultima giornata intera ammirando il paesaggio degli Scottish Borders , organizzando un’escursione nel parco forestale e in uno dei più bei giardini scozzesi. Anzi, non perdetevi nessuna opportunità di camminare in tutte le altre regioni del Paese!

  • Miglia

  • Km

  • Stop

  • Trasporti

    Auto

Cademuir all’interno del Tweed Valley Forest Park

Perché visitare una sola foresta, quando potreste apprezzare le meraviglie di sette? Il Tweed Valley Forest Park, infatti, è costituito da sette splendide foreste e da numerosi sentieri segnati, pertanto è un luogo sicuro in cui perdersi (temporaneamente) tra gli alberi.

La foresta di Cademuir, vicino a Peebles, è la più piccola delle sette, ma la sua posizione sulla collina di Cademuir offre una vista mozzafiato su Peebles e sulla Glentress Forest, ed è un vero paradiso per la fauna selvatica: qui potrete scorgere, infatti, piccoli uccelli come i crocieri e i picchi rossi maggiori e persino allocchi al tramonto.

Mappa della Scozia

Nel parco del Castello di Barony si trova un tesoro nascosto: una grande mappa fisica della Scozia di 50 metri, scolpita nel cemento. Frutto del lavoro di un piccolo gruppo di polacchi di un’università di Cracovia, che lo ha creato nei mesi estivi tra il 1974 e il 1979, vi consente di percorrere la Scozia in lungo e in largo senza troppa fatica!

Utilizzatela per organizzare il vostro prossimo viaggio in Scozia!

Giardino Botanico di Dawyck

Approfittate di un momento di tranquillità per ricordare tutte le cose meravigliose che avete vissuto negli Scottish Borders e godetevi alcuni tesori finali nel Giardino Botanico di Dawyck. Questo giardino ospita una delle più belle collezioni di alberi scozzesi, tra cui alcuni degli esemplari più antichi e più alti del Paese.

Una passeggiata nel giardino vi condurrà attraverso i boschi, accanto a piccoli rivi e in mezzo a meravigliose fioriture stagionali di bucaneve, campanule, papaveri dell'Himalaya e azalee. La posizione unica permette alle piante continentali di prosperare, quindi non stupitevi se vi imbattete in piante autoctone del Nepal, del Cile e di altri Paesi lontani!

Giorno 4

panoramica

Dumfries e Galloway

Lasciandovi alle spalle gli Scottish Borders e dirigendovi a ovest nel Dumfries e Galloway, troverete molte altre cose da vedere lungo il tragitto. Per i primi giorni di viaggio, potrete soggiornare nella zona orientale di questa regione, la cui città principale è Dumfries.

  • Miglia

  • Km

  • Stop

  • Trasporti

    Auto

Grey Mare's Tail

Una delle cascate più alte del Regno Unito, la Grey Mare’s Tail merita decisamente una sosta. Lasciate la macchina nel parcheggio e seguite il breve sentiero: presto apparirà davanti ai vostri occhi questa meraviglia naturale in tutta la sua altezza e sentirete l’acqua scrosciare giù per la valle per ben 60 metri.

Ma se siete pronti per una sfida più grande, perché non risalite la cascata per scoprire da dove sgorga? Dall’altra parte del primo sentiero ne scorgerete un secondo. Dopo una prima salita piuttosto ripida accanto alla cascata, seguendo il sentiero acciottolato, il percorso diventa presto più agevole e, un’ora dopo aver lasciato il parcheggio, raggiungerete il Loch Skeen, un bel bacino cristallino di acqua montana.

Moffat

La passeggiata vi avrà sicuramente stimolato l’appetito, quindi dirigetevi verso la vicina cittadina di Moffat, dove potrete sedervi a mangiare un boccone in una delle caffetterie o dei ristoranti locali, dopo aver compiuto un breve giro d’esplorazione. Se avete tempo, non dimenticate che Moffat è la prima Dark Sky Town d’Europa, quindi al calar del sole potrete godere di un’ottima vista della volta stellata, grazie alla speciale illuminazione stradale.

Wanlockhead

Procedete verso ovest, addentrandovi nel Dumfries e Galloway, e presto raggiungerete le vertiginose altezze non solo del sud della Scozia, ma di tutto il Paese! Una volta arrivati, non vi sorprenderà affatto apprendere che Wanlockhead sia il villaggio più alto della Scozia: infatti, salendo in auto, ne avrete certamente notato la posizione particolarmente suggestiva.

Sul posto potrete esplorare il Museum of Lead Mining per conoscere meglio l’industria mineraria locale o salire a bordo di uno dei treni della Leadhills and Wanlockhead Light Railway, la ferrovia ad aderenza naturale più elevata della Gran Bretagna, situata a circa 450 metri sopra il livello del mare.

Crawick Multiverse

A breve distanza in auto dal villaggio più alto, si trova un buon posto dove sgranchire le gambe e vedere l’industria locale della zona sotto una luce diversa. Grazie a un progetto di architettura del paesaggio, Crawick Multiverse ha trasformato un’ex miniera di carbone a cielo aperto in un’opera d’arte naturale, un’attrazione turistica e uno spazio pubblico di 22 ettari.

Creato da Charles Jencks, nota figura impegnata nell’architettura del paesaggio, lo spazio rappresenta le emozionanti scoperte e teorie dell’universo, unendo spazio, astronomia e cosmologia. Seguite la rete di sentieri e divertitevi a scorgere il sole, le comete, i buchi neri, i diversi universi e persino le galassie!

Giorno 5

panoramica

Dumfries

Trascorrete la giornata esplorando questa storica città mercato, che sorge sulle rive del fiume Nith. Un tempo patria del bardo nazionale scozzese, Robert Burns, oggi la città è ricca di attrazioni, ma è anche un’ottima base per esplorare oltre.

  • Miglia

  • Km

  • Stop

  • Trasporti

    Auto

Museo di Dumfries e Camera Obscura

Questo mulino a vento del XVIII secolo conserva dei veri tesori: dalle impronte fossili lasciate dai rettili preistorici alle sculture in pietra dei primi cristiani scozzesi, fino alla più antica Camera Obscura del mondo. Installato nel 1836, questo strumento ottico offre viste panoramiche sulla regione che esplorerete nei prossimi due giorni.

Robert Burns Centre

Da un mulino a vento del XVIII secolo a un mulino ad acqua... quest’ultimo racconta la storia di Robert Burns, che trascorse gli ultimi anni della sua vita nella vicina Ellisland Farm, prima di trasferirsi in città. La mostra nel centro espone manoscritti e oggetti originali, nonché un modello in scala della città che viene ritratta come sarebbe apparsa nell’ultimo decennio del XVIII secolo. La sera, il centro si trasforma in una sala cinematografica.

Per scoprire altro su Robert Burns, recatevi alla Robert Burns House, o alla Globe Inn, il pub frequentato da Rabbie quando desiderava godersi una pinta di birra.

Moat Brae

Per continuare il tema letterario di oggi, visitate la nuovissima attrazione di Moat Brae House and Garden, che aprirà i battenti nella primavera del 2019, alla conclusione di un lungo progetto di recupero e conservazione dell’edificio, ora ritornato al suo antico splendore.

Il luogo dove nacque la storia di Peter Pan e il giardino che un tempo ispirò JM Barrie è ora aperto al pubblico. Visitate il National Centre for Children’s Literature and Storytelling (Centro nazionale per la letteratura e la narrazione per bambini), uno spazio magico che organizza tour, percorsi, eventi e attività per grandi e piccini.

Giorno 6

panoramica

Galloway

Partiamo alla scoperta del cuore della regione per perderci ancora una volta tra gli alberi nel Galloway Forest Park, una destinazione fantastica non solo di giorno, ma anche di notte.

Galloway Forest Park

Capre selvatiche, cervi, scoiattoli rossi, mountain bike, sentieri escursionistici, cieli bui... in questo bellissimo parco forestale non manca proprio nulla per intrattenervi per giorni interi. Iniziate da uno dei tre centri visitatori, Kirroughtree, il punto di accesso al parco, Glentrool o Clatteringshaws, per scoprire esattamente cosa potete fare in questi gloriosi 777 chilometri quadrati.

Il Galloway Forest Park comprende verdi foreste lussureggianti, colline rivestite di erica, valli tranquille e laghi. Noleggiate una bicicletta a Kirroughtree e pedalate con calma tra paesaggi panoramici per godervi la vista, oppure esplorate il parco a piedi tenendo gli occhi ben aperti per scorgere esemplari di fauna selvatica: la Mappa e guida dei sentieri del Galloway Forest Park vi aiuterà a pianificare il vostro percorso.

Si tratta anche di un parco dai cieli bui, anzi è stato il primo parco europeo ad ottenere questo prestigioso riconoscimento ufficiale. Godetevi la vista ininterrotta di 7.000 stelle e pianeti a occhio nudo!

Giorno 7

panoramica

Viaggio verso ovest

L’ultimo giorno nel Dumfries e Galloway vi riserva una sorpresa finale. Spingetevi fino all’estrema costa occidentale di questa bella regione e vi sembrerà di aver raggiunto i confini del mondo o, quantomeno, il punto più a sud (sì, a sud, non a ovest!) della Scozia.

  • Miglia

  • Km

  • Stop

  • Trasporti

    Auto

Mull of Galloway

Iniziate la giornata dirigendovi il più a sud e il più a ovest possibile. Il Mull of Galloway è il punto più a sud della Scozia e ospita il faro (e la riserva naturale, che visiteremo nella nostra prossima tappa) più meridionale del Paese. Da qui potete vedere in lontananza il Solway Firth, il Mare d’Irlanda e l’Isola di Man. Vi trovate più a sud della città inglese di Carlisle, la città più vicina è Belfast in Irlanda del Nord e siete quasi altrettanto vicini sia a John O’Groats che a Londra. Che posto!

Una volta che vi sarete lasciati alle spalle una tale vista, risalite i 115 gradini del faro e godetevi la mostra che racconta come viveva un guardiano del faro. All’interno del faro c’è anche una caffetteria e un negozio di souvenir dove potrete acquistare un ricordino per celebrare quest’avventura. All’esterno potrete invece seguire un percorso a piedi lungo la costa.

Riserva naturale RSPB di Mull of Galloway

Scoprite di più sulla fortunata fauna selvatica che vive in questo posto magico! Ci sono urie rumorose, fulmari e risse in primavera; sule e cutrettole in estate; sterne, stercorari e berte in autunno; edredoni e marangoni in inverno.

Castello di Kennedy

Finora vi abbiamo davvero viziato con questo viaggio e continueremo a farlo anche con la nostra tappa conclusiva, un’ultima perla nella lunga e grandiosa lista di tesori nascosti della Scozia. I giardini del Castello di Kennedy sono oggetto di restauro e cura da oltre 300 anni. C’è un bellissimo parco paesaggistico, ma uscite all’aperto in questo enorme spazio, scendete i gradini del giardino a terrazze e fate una passeggiata intorno allo stagno circolare di 8.000 metri quadrati, ricoperto di gigli. In alternativa, addentratevi semplicemente nel parco e vedete cosa trovate.

Scoprite di più sulle passeggiate di difficoltà graduale ed effettuate una visita virtuale dei giardini.

Politica sui cookie

VisitScotland utilizza cookies per migliorare l'esperienza dell'utente sul nostro sito. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Si prega di leggere la nostra nuova politica sulla privacy e sui cookie per ulteriori informazioni.