Il Blog

Foraging: tutto quello che c’è da sapere sulla raccolta di cibi spontanei e selvatici in Scozia.

I cibi selvatici un tempo un mezzo di sostentamento stagionale ampiamente disponibile, sano e gratuito, sono sempre più utilizzati nei programmi di cucina in televisione e sui social media, e di conseguenza compaiono più spesso tra i nostri prodotti rurali, oltre che nei piatti serviti al ristorante e nelle ricette casalinghe.

Ma quali sono le delizie offerte dalla dispensa naturale della Scozia, qual è il momento migliore per coglierle, dove si possono trovare, a chi affidarti per una guida esperta e dove puoi gustare gli alimenti ottenuti in questo modo? Continua a leggere per saperne di più.

Frutti di bosco

Raccolta delle bacche

Raccolta delle bacche

Molti scozzesi ricordano con affetto la raccolta delle bacche selvatiche, piene di sapore, nelle lunghe e calde giornate estive. È un ottimo modo per uscire all’aria aperta, esplorare nuovi angoli della Scozia e approfittare del fatto che la natura ci offre spuntini sani – e gratuiti – lungo il percorso.

Nei nostri boschi lungo i sentieri e le strade più tranquille, troverai circa 10 diversi tipi di bacche commestibili, tra cui ciliegie e prugnole selvatiche, mirtilli, more bacche di sorbo e di ginepro. Crescono soprattutto nel Perthshire, in particolare nella fertile valle di Strathmore, e nel Fife, ma si trovano anche nell’Aberdeenshire, nelle Highlands, sull’Isola di Arran, nell’Ayrshire e negli  Scottish Borders.

La loro raccolta è facilitata dallo Scotland’s Outdoor Access Code che garantisce il diritto di accesso responsabile alla maggior parte dei terreni e delle acque e che è uno dei migliori d’Europa. Quando vai a cogliere le bacche, presta attenzione a non danneggiare l’ambiente e assicurati di lasciarne in abbondanza per la fauna selvatica locale!

Funghi selvatici

Ci sono letteralmente dozzine di specie di funghi commestibili nei boschi scozzesi, ma solo pochi finiscono frequentemente sulle nostre tavole. L’autunno è il momento migliore per coglierli , ma trovi diverse specie durante tutto l’anno .

Dato l’alto livello di tossicità di alcuni funghi (per esempio l’ovolo malefico – noto anche come Amanita muscaria), presta molta attenzion e non toccare quelli che non conosci bene . O meglio ancora, potresti optare per un rilassante soggiorno con foraging presso Gartmore House nello Stirlingshire, iscriverti a un corso di raccolta dei funghi nel Perthshire con Monica Wilde Foraging o partecipare a una lezione di cucina con ingredienti selvatici. Imparare i rudimenti del foraging è più facile e divertente in gruppo, soprattutto sotto la guida di un esperto.

Le varietà commestibili più popolari includono: porcini, galline dei boschi, finferli, Lepista Nuda, steccherini e spugnole. Lo Scottish Natural Heritage ha pubblicato un’ottima guida sui Funghi scozzesi e sullo Scottish Wild Mushroom Forum si trova anche un Codice dei funghi con consigli preziosi per la loro raccolta.

Foraging costiero

Galloway Wild Foods Coastal Foraging, Dumfries e Galloway

Galloway Wild Foods Coastal Foraging, Dumfries e Galloway

La Scozia vanta alcuni dei più raffinati frutti di mare del mondo e la nostra costa è un terreno ideale per il foraging. Raccogli bacche di olivello spinoso durante le lunghe passeggiate sulla spiaggia, cerca crostacei nelle pozze tra le rocce con la bassa marea, cattura aragoste con le nasse, pesca sgombri in riva al mare o vai alla ricerca di ottime alghe commestibili… La Palmaria palmata, per esempio, è un’alga rossa molto popolare tra i vegetariani e particolarmente gustosa quando cucinata nelle zuppe.

Cozze, patelle e littorine sono alcune delle delizie marine che ti aspettano lungo le coste rocciose. E, se sei particolarmente fortunato, potresti anche scorgere dei cannolicchi, cardio e vongole. Non c’è niente di meglio che cucinare il frutto del proprio lavoro con un falò sulla spiaggia.

Nutrirsi di crostacei selvatici può comportare il rischio di intossicazione alimentare, quindi è importante rispettare alcune precauzioni di base per la sicurezza, come raccogliere i frutti di mare solo in acque pulite ed evitare i mesi estivi. In alternativa, puoi prenotare un corso di foraging costiero presso Galloway Wild Foods nel Dumfries e Galloway o presso Wildwood Bushcraft nelle Highlands, e apprendere quali cibi raccogliere e come prepararli.

Aromi naturali

Charlotte Flower raccoglie erbe e aromi naturali sulle rive del Loch Tay, Perths

Charlotte Flower raccoglie erbe e aromi naturali sulle rive del Loch Tay, Perthshire © Charlotte Flower

I cibi raccolti con il foraging sono sempre più presenti tra i prodotti alimentari naturali in vendita in Scozia. Il loro utilizzo ne esalta il sapore unico e aggiunge un tocco di autenticità locale ai piatti. Ecco alcuni esempi.

È sempre difficile resistere alla tentazione del cioccolato, ma le creazioni di Charlotte Flower, maestra cioccolatiera del Loch Tay, la rendono un’impresa praticamente impossibile! Dalla sua casa ad Acharn nella zona delle Highlands del Perthshire, Charlotte esplora le rive del lago e dei boschi vicini alla ricerca di pini scozzesi, menta selvatica, acetosella dei boschi e fiori di sambuco, che usa per insaporire i suoi deliziosi prodotti di pasticceria. Se ti trovi nella zona, chiamala e passa a trovarla prima di esplorare le bellissime cascate di Acharn Falls nelle vicinanze.

Negli ultimi cinque anni, il gin scozzese è cresciuto sia di profilo che di popolarità. Infatti, oltre il 70% del gin del Regno Unito viene prodotto qui. Molti produttori utilizzano piante raccolte sul posto per conferire alla bevanda un gusto diverso. Una delle più insolite che abbiamo scoperto è la saccharina latissima, che viene utilizzata insieme ad altri prodotti botanici per aromatizzare l’Harris Gin. Quest’alga, raccolta a mano dai fondali, conferisce al distillato un gusto distintivo e delizioso che richiama l’essenza stessa dell’isola da cui proviene.

Le piante raccolte sono utilizzate anche in alcune birre scozzesi. Il birrificio William’s Bros. Brewing Co. con sede ad Alloa ha scoperto tempo fa il potenziale del foraging che utilizza per rendere più intriganti le sue birre consolidate, come la “Fraoch”, aromatizzata ai fiori di erica, la “Grozet”, preparata con uva spina e la potente “Alba”, che deve il suo sapore unico agli aghi di pino. Visita l’Inn Deep a Glasgow per provare queste deliziose birre di persona!

Ristoranti a base di cibi selvatici

Andare a raccogliere bacche e altri cibi selvatici e stare all’aria aperta è molto divertente, ma in Scozia puoi comunque gustare appetitosi piatti all’insegna del foraging senza sporcarti o bagnarti le mani! Alcuni visionari chef scozzesi raccolgono cibi selvatici e li introducono nelle loro ricette, coniugandole con deliziosi sapori locali. A Edimburgo, The Gardener’s Cottage, Forage and Chatter e Wedgwood the Restaurant servono un menù stagionale e sostenibile. Selvaggia e accattivante è l’esperienza culinaria offerta da Buck and Birch caratterizzata da ingredienti selezionati con cura, da molti anni, dall’Head Chef Rupert Waites.

Queste sono solo alcune delle ricchezze culinarie tipiche del foraging che ti aspettano nei boschi scozzesi, nelle siepi, lungo la nostra costa e nei nostri prodotti alimentari. C’è molto altro da scoprire. Ti chiediamo solo di rispettare le indicazioni dello Scottish Outdoor Access Code . E se poi non sai da dove iniziare, iscriviti a un corso e impara dagli esperti. In Scozia trovi una delle migliori selezioni di cibi e bevande di tutto il mondo e il posto migliore per gustarla è proprio qui.

 

Comments

Politica sui cookie

VisitScotland utilizza cookies per migliorare l'esperienza dell'utente sul nostro sito. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Si prega di leggere la nostra politica sulla privacy e sui cookie per ulteriori informazioni.